artimestieri cooperativa sociale solo bioedilizia TERRE CUITE EN POUDRE ROUGE
COCCIOPESTO
COCCIOPESTO
COCCIOPESTO
COCCIOPESTO
COCCIOPESTO
COCCIOPESTO
COCCIOPESTO
COCCIOPESTO

TERRE CUITE EN POUDRE ROUGE - conf. 25 kg

15 Reviews
EB08
11,20 €

Cocciopesto rouge en poudre conf. 25 kg

Granulométries 0-1mm et 0-3mm

GRANULOMETRIA

 

COCCIOPESTO EN POUDRE ROUGE FINI OU MOYEN DE BROYAGE

La poudre de Cocciopesto est obtenue en broyant des argiles naturelles cuites à des températures contrôlées, adaptées au conditionnement de mortiers, plâtres et sous-fonds naturels ainsi que de plâtres colorés.
La poudre de cocciopesto améliore la résistance mécanique et l'indice hydraulique des mélanges et augmente sa respirabilité, favorisant ainsi la régulation hygrométrique des environnements.

UTILISATION DU COCCIOPESTO

En ajoutant la poudre de cocciopesto au mastic à la chaux et au sable, on obtient un plâtre sain et transpirant. Si la poudre de cocciopesto est ajoutée au mastic de chaux assaisonné et au sable fin, il est possible d'obtenir un intonachino caractérisé par la couleur rouge brique typique de la poudre de cocciopesto.
L'utilisation du pesto au pesto est indiquée dans les sites de restauration et de restauration et dans tous les cas où des mortiers présentant des caractéristiques mécaniques et chimiques particulières sont nécessaires, en parfaite harmonie avec les traditions historiques et environnementales.
Le produit est par nature bioécologique et totalement recyclable.

GRANULOMÉTRIE

Cocciopesto Fin: 0 -1mm
Cocciopesto moyen: 0-3mm

EMBALLAGE

Sac 25 kg
Volume de contenu 19 lt
Poids spécifique 1270 kg / mc

ARTIMESTIERI
24 Produits
7438634026692
15 Reviews

Ufficio Tecnico di Artimestieri
Per ripristinare con un materiale simile dovrebbe chiedere a qualcuno del posto che potrebbe dare qualche indicazione sulle usanze locali. Nel nostro sito trova comunque tutti i componenti utili: cocciopesto, grassello, calci idrauliche e anche dei prodotti per un trattamento finale di impermeabilizzazione.
on

Ufficio Tecnico di Artimestieri
Una resa indicativa potrebbe essere di 5 kg di polvere di cocciopesto per 1 mq di intonaco di spessore 1 - 1.5 cm
on

mimmolove79@gmail.com
Vorrei ripristinare una Parte di intonaco impermeabile con cocciopesto,la cisterna sembra che abbia un Primo strato di terra rossa ed il finale sembra un grigio chiaro, avrà più di 100 anni
on

dezanieleonora@gmail.com
in proporzione, quanta superficie coprirebbe 1 kg di cocciopesto, usato come intonaco?
on

Ufficio Tecnico di Artimestieri
La polvere di cocciopesto non ha un significativo potere colorante. Meglio sarebbe la terra colorante rossa. In ogni caso anche con le terre coloranti non si ottengono colori vivaci ma tinte tenui/pastello.
on

patrizia.fabris@libero.it
buongiorno, se usassi il cocciopesto con una malta colorata in giallo riuscirei ad ottenere un colore aranciato? Se no, potete suggerirmi come raggiungere questo risultato?
on

Ufficio Tecnico di Artimestieri
L'intonaco al cocciopesto è utilizzabile sia come intonaco di fondo che come intonaco o intonachino di finitura. Se l'intonaco di calce e cocciopesto viene scelto per le sue eccellenti qualità di intonaco sano e traspirante potrà essere tinteggiato a piacere; in molti casi, se non viene pitturato, è perhè sono apprezzate le sue naturali tonalità di colore.
on

maupre1@yahoo.it
Una volta usato il cocciopesto, è possibile pitturare il muro?
on

Ufficio Tecnico di Artimestieri
Il cocciopesto rosso fine (0/1mm) va molto bene come base, penso si debba mescolare con legante apposito adatto alle alte temperature
on

giuseppe.barcia@gmail.com Giuseppe Barcia
È possibile restaurare con il coccio pesto , chiudendo piccole fessure e riportando all'originale colore rossiccio, le vecchie stufe di terracotta tipiche della Romagna ?
on

Ufficio Tecnico di Artimestieri
Sì, la malta al cocciopesto è molto indicata per il restauro di mura storiche: La polvere di cocciopesto è però solo una componente della malta stessa: può essere mescolata con grassello di calce e sabbia, oppure come colorante naturale di una amalta a base di calce idraulica naturale. In entrambi i casi il risultato sarebbe positivo.
on

Andrea, ( andre.15@tiscali.it )
Buongiorno,gradirei sapere se il cocciopesto potrebbe essere una valida soluzione (sia estetica che di durata) per la stuccatura dei mattoni su delle mura storiche.
on

Ufficio Tecnico di Artimestieri
Sì, è una buona idea usare una malta al cocciosto tra i mattoni vecchi.Userei però la polvere gialla che fà un migliore contrasto con il rosso dei mattoni. La malta al cocciopesto generalmente resiste bene nei posti umidi essendo un impasto MACROPOROSO. Potresti aggiungere un po' di calce idraulica per dare subito maggiore durezza alla malta.
on

Luisi Nicola , nicola.luisi89@gmail.com
salve dovrei effettuare la ristilatura delle fughe di un vecchio muro in pietra essendo che e un po' umido avrei pensato di usare il coccio pesto insieme alla calce e alla sabbia per creare una malta che resista' all'umidita' andrebbe bene questa polvere
on

Ufficio tecnico Artimestieri
Gaia ci scrive:Buongiorno, ho una domanda da farle per quanto riguarda il cocciopesto: Questa polvere colora l'acqua? In passato ho acquistato altre polveri definite insolubili che purtroppo hanno colorato l'acqua. Quello che io desidero è una polvere che in acqua si comporti come la sabbia del mare, ossia che: se inserita in un barattolo insieme all'acqua, se il barattolo viene ruotato, la polvere cada verso il basso senza intaccare la trasparenza dell'acqua.Buongiorno Gaia,la polvere di cocciopesto che noi vendiamo ha una granulometria che va da 0 a 1mm che significa che contiene una parte di polvere fine che in una certa misura "colora" l'acqua. Se l'utilizzo della polvere di cocciopesto è quello tradizionale di contribuire all'indurimento di una malta di calce: è importante che ci sia la polvere fine perchè è quella che meglio si lega con la calce e contribuisce all'indurimento della malta. Al contrario una granella di cocciopesto senza la polvere fine avrebbe solo una funzione estetica nell'impasto. Prima di scrivere questa risposta ho comunque fatto una prova mettendo in due bicchieri d'acqua un po' di polvere rossa e un po' di polvere gialla: in entrambi i casi le parti fini, dopo un prima colorazione dell'acqua si sono depositate in pochi minuti lasciando l'acqua di nuovo trasparente.La prova rivela una corretta composizione della "curva granulometrica" delle polveri di cocciopesto in esame, che hanno sì la parte fine, ma insieme a tutte le altre dimensioni fino ad 1mm: questo differenzia questo prodotto da una "terra colorante" che appositamente viene macinata in parti finissime tutte uguali che, sciolte in acqua, rimangono in sospensione per molto più tempo.Polveri di cocciopesto senza la polvere si possono anche trovare, ma noi non le teniamo dato che non sarebbero utili all'impiego da noi proposto,Un cordiale salutoUfficio Tecnico di Artimestieri
on

Vous aimerez aussi

Les clients qui ont acheté ce produit ont également acheté...

Product added to wishlist

iqitcookielaw - module, put here your own cookie law text