Intonaco di calce e cocciopesto

scopri Artimestieri

I più venduti

Prodotti visti

Cocciopesto Giallo in polvere per Intonaci, Malte e Intonachino - sacco da 25kg

Nuovo prodotto

Polvere di cocciopesto giallo - conf. 25 kg

Cocciopesto Fine: 0-1 mm

Cocciopesto Medio: 0-3 mm

Maggiori dettagli

49 Articoli

MATERIALE PRONTO A MAGAZZINO

14,00 €

Dettagli

COCCIOPESTO GIALLO granulometria 0-1mm e 0-3mm

La polvere di cocciopesto giallo è ottenuta dalla macinazione di argille naturali cotte a temperature controllate: il cocciopesto è adatto per il confezionamento di malte, intonaci e sottofondi naturali e intonachini colorati.
La polvere di cocciopesto migliora le resistenze meccaniche e l'indice di idraulicità delle miscele di calce e ne incrementa la traspirabilità favorendo così la regolazione igrometrica degli ambienti. La tecnica del cocciopesto è conosciuta dall'antichità: grandi estensioni di intonaci e pavimenti in cocciopesto romano si possono ammirare ancora oggi presso gli scavi di Pompei ed Ercolano.

 

IMPIEGO DEL COCCIOPESTO

Aggiungendo la polvere di cocciopesto al grassello di calce e alla sabbia si ottiene un intonaco di cocciopesto sano e traspirante. Se la polvere di cocciopesto è aggiunta a grassello di calce stagionato e sabbia fine si può ottenere un intonachino caratterizzato dal colore giallo tipico della polvere di cocciopesto.
L'uso di coccio pesto è indicato in ogni locale di casa in interno ed in esterno:

 

Intonaco di cocciopesto

il cocciopesto giallo o rosso di granulometria 0-3mm è adatto per intonaci di fondo oppure da lasciare a vista in interno come in esterno. La colorazione conferita dalla polvere di cocciopesto rende l'intonaco naturalmente bello senza bisogno di colorazioni aggiunte

 

Finiture in cocciopesto

Il cocciopesto giallo o rosso fine è più adatto per intonachini di finitura in ambienti come il bagno e la cucina, per ottenere superfici lisce ed impermeabili in alternativa alle piastrelle

 

Pavimenti in cocciopesto

l'impasto adatto alla formazione di pavimenti è chiamato pastellone di cocciopesto, con giusto dosaggio e granulometrie adatte si possono realizzare pavimenti in cocciopesto

 

Cocciopesto per i restauri e per la nuova bioedilizia

il cocciopesto è ottimo come materiale naturale e bioedile, può essere impiegato nelle nuove costruzioni, nelle ristrutturazioni e nei cantieri di restauro e recupero conservativo ed in tutti i casi ove siano richieste malte  con particolari caratteristiche meccaniche e chimiche in perfetta  armonia con le tradizioni storiche ed ambientali.

Il prodotto è per sua natura bioecologico e totalmente riciclabile, gli intonaci di cocciopesto sono per loro natura sani e traspiranti. l'uso del cocciopesto sostituisce l'impiego di cemento e calce idraulica negli intonaci, nei sottofondi e nelle finiture. In cucina ed in bagno permette la realizzazione di superfici liscie, dure ed impermeabili se trattate secondo i modi tradizionali.

 

GRANULOMETRIE DISPONIBILI DEL COCCIOPESTO

Cocciopesto Fine: 0-1 mm
Cocciopesto Medio: 0-3 mm

 

CONFEZIONAMENTO

  • Sacco: 25 kg
  • Volume di cocciopesto contenuto: 21 lt circa
  • Peso specifico 1140 kg/mc

Leggi tutte le domande e le risposte su questo prodotto

Valutazione 
07/11/2019

Rivestimento per piscine

Salve, è possibile utilizzare il cocciopesto per rivestire delle piscine.
Grazie
Dr Nicola Carone

    Valutazione 
    23/09/2019

    Risposta a Salvo: colorare il rasante con il cocciopesto?

    Non è possibile perchè la polvere di cocciopesto ha poco potere colorante (il rosso colora di più, il giallo meno) e ne dovrebbe mettere una tale quantità da modificare eccessivamente il rasante. In linea di massima il colorante non dovrebbe superare il 5% di una malta o di un intonaco. Può provare con una quantità di questo tipo.

      Valutazione 
      21/09/2019

      Colorare il rasante con cocciopesto

      Buon giorno, vorrei colorare del rasante per cappotti tipo kc1 con il cocciopesto. É possibile? Vorrei usarlo in sostituzione degli ossidi. Nel caso che proporzioni dovrei usare? Grazie

        Valutazione 
        21/06/2019

        risposta a Carofiglio: proporzioni nella miscela

        Mediamente la proporzione nei volumi è la seguente: una parte di grassello e due parti tra cocciopesto e inerte fine. La proporzione tra sabbia cocciopesto è variabile da 50 e 50 fino a proporzioni di cocciopesto minori come 25% cocciopesto e 75% sabbia. Se alla polvere di cocciopesto si chiede "solo" la funzione indurente la percentuale può essere minima e la polvere in questo caso deve essere molto fine; se si desidera invece caratterizzare maggiormente colore e aspetto della finitura si può a tale scopo aumentare la percentuale di cocciopesto aggiungendo anche una parte di granulometria maggiore.
        L'acqua da aggiungere è poca, meno del 10% in volume, meglio aggiungere un po' alla volta in fase di aggiustamento dell'impasto

          Valutazione 
          17/06/2019

          Proporzioni nella miscela

          In quali proporzioni si mescolano il grassello di calce, la polvere di cocciopesto e la sabbia fine? Ed inoltre qual è il quantitativo di acqua da mettere? Grazie

            Valutazione 
            05/05/2018

            La polvere di cocciopesto colora l'acqua?

            Gaia ci scrive:
            Buongiorno, ho una domanda da farle per quanto riguarda il cocciopesto:
            Questa polvere colora l'acqua? In passato ho acquistato altre polveri definite insolubili che purtroppo hanno colorato l'acqua.
            Quello che io desidero è una polvere che in acqua si comporti come la sabbia del mare, ossia che: se inserita in un barattolo insieme all'acqua, se il barattolo viene ruotato, la polvere cada verso il basso senza intaccare la trasparenza dell'acqua.

            Buongiorno Gaia,
            la polvere di cocciopesto che noi vendiamo ha una granulometria che va da 0 a 1mm che significa che contiene una parte di polvere fine che in una certa misura "colora" l'acqua. Se l'utilizzo della polvere di cocciopesto è quello tradizionale di contribuire all'indurimento di una malta di calce: è importante che ci sia la polvere fine perchè è quella che meglio si lega con la calce e contribuisce all'indurimento della malta. Al contrario una granella di cocciopesto senza la polvere fine avrebbe solo una funzione estetica nell'impasto. Prima di scrivere questa risposta ho comunque fatto una prova mettendo in due bicchieri d'acqua un po' di polvere rossa e un po' di polvere gialla: in entrambi i casi le parti fini, dopo un prima colorazione dell'acqua si sono depositate in pochi minuti lasciando l'acqua di nuovo trasparente.
            La prova rivela una corretta composizione della "curva granulometrica" delle polveri di cocciopesto in esame, che hanno sì la parte fine, ma insieme a tutte le altre dimensioni fino ad 1mm: questo differenzia questo prodotto da una "terra colorante" che appositamente viene macinata in parti finissime tutte uguali che, sciolte in acqua, rimangono in sospensione per molto più tempo.
            Polveri di cocciopesto senza la polvere si possono anche trovare, ma noi non le teniamo dato che non sarebbero utili all'impiego da noi proposto,
            Un cordiale saluto
            Ufficio Tecnico di Artimestieri

              Scrivi una domanda o un commento su questo podotto

              Scrivi una domanda o un commento

              Cocciopesto Giallo in polvere per Intonaci, Malte e Intonachino - sacco da 25kg

              Cocciopesto Giallo in polvere per Intonaci, Malte e Intonachino - sacco da 25kg

              Polvere di cocciopesto giallo - conf. 25 kg

              Cocciopesto Fine: 0-1 mm

              Cocciopesto Medio: 0-3 mm

              Accessori

              9 altri prodotti della stessa categoria:

              I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno comprato anche:

              Related articles on blog